PON: le scuole di secondo grado statali possono presentare le candidature fino al 5 marzo 2018

La presentazione delle proposte progettuali per gli “Interventi infrastrutturali per l’innovazione tecnologica, laboratori di settore e per l’apprendimento delle competenze chiave” è possibile dalle ore 15.00 del 15 gennaio 2018 alle ore 15.00 del 5 marzo 2018.

L’area del sistema Informativo Fondi (SIF) 2020, predisposta per la trasmissione dei piani firmati digitalmente, sarà disponibile dalle ore 8.00 del 6 marzo 2018 alle ore 15.00 del 12 marzo 2018.

L’avviso, emanato dall’Autorità di Gestione (AdG) del Programma Operativo Nazionale “Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020, finanzia due tipologie di interventi:

Tipologia A: realizzazione/riqualificazione e aggiornamento, in chiave digitale, di uno o più laboratori per lo sviluppo delle competenze di base nelle scuole del secondo ciclo di istruzione (lingue, matematica, scienze, ecc.), a questa tipologia possono partecipare tutte le istituzioni scolastiche statali di secondo grado comprensivi gli istituti omnicomprensivi.

Tipologia B: realizzazione/riqualificazione e aggiornamento, in chiave digitale, di uno o più laboratori professionali, per almeno uno degli indirizzi del triennio, degli istituti tecnici e professionali e per licei artistici, a quest’altra invece possono partecipare gli Istituti tecnici, istituti professionali e licei artistici statali, per almeno uno degli indirizzi del triennio.

All’avviso c’è anche allegata la “Scheda tecnica – Indirizzi afferenti i laboratori del II ciclo”.

Il documento ripropone per la parte dei laboratori del triennio il documento tecnico  riguardante l’ambito del Piano di Azione e Coesione (PAC) che riguardava le regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, che è suddiviso in tre parti:

  • Linee guida relative a: “Dotazioni tecnologiche e laboratori multimediali per scuole del I ciclo e del II ciclo di Istruzione”;
  • Standard tecnologici per i laboratori di settore dell’Istruzione Tecnica e Professionale;
  • Standard tecnologici per i licei artistici, licei musicali e licei coreutici.

Per gli istituti tecnici risultano finanziati i laboratori che fanno riferimento a tutti gli indirizzi/articolazioni/opzioni ad esclusione dell’opzione “Tecnologie cartarie” e “Tecnologie del cuoio”.

Per quanto riguarda invece gli istituti professionali, il documento fa ancora riferimento agli indirizzi/articolazioni/opzioni previste dal DPR 87/10, che potete consultare qui.

Non sono previsti finanziamenti invece per l’indirizzo:

  • “Servizi commerciali” compresa l’opzione “Promozione commerciale e pubblicitaria”;
  • “Manutenzione ed Assistenza Tecnica” con relative opzioni di “Apparati e servizi tecnici industriali e civili” e “Manutenzione dei mezzi di trasporto”.

Inoltre nell’ambito della articolazione “Industria” è previsto il finanziamento unicamente per i laboratori relativi alle opzioni “Arredi e forniture di ambienti” e “Produzioni Audiovisive”. Infine per l’articolazione “Artigianato” sono finanziati solo i laboratori per l’opzione “Produzioni tessili-sartoriali”.

Tra i criteri di valutazione delle proposte progettuali degli istituti professionali è presente anche la seguente voce: “allestimento laboratori per indirizzi di studio di nuova istituzione”.