trasferimenti

Contratto di mobilità 2019

E’ stato finalmente raggiunto l’accordo per il contratto di mobilità.

Le novità introdotte riguarderanno quindi il personale docente, il personale educativo e il personale ATA per il triennio 2019/22.

Rimangono invariati alcuni punti derivanti dal contratto precedente: la partecipazione del personale docente ai trasferimenti e ai passaggi di ruolo potrà essere annuale, a meno che il trasferimento non sia stato ottenuto su una delle scuole richieste. In questo caso infatti i docenti potranno richiedere un nuovo trasferimento solo dopo 3 anni dalla prima richiesta.

Cosa cambia

I docenti diventano titolari su scuola una volta ottenuto il trasferimento o passaggio di ruolo richiesto.

L’obbligo di permanenza per 3 anni riguarda i docenti che abbiano vista accolta la propria preferenza su scuola o che abbiano ottenuto una scuola del comune in cui sono attualmente titolari.

I docenti che invece ottengono la titolarità attraverso preferenza su provincia, comune o distretto, possono ripresentare la domanda anche l’anno successivo.

Sono inoltre esclusi dal vincolo dei tre anni i docenti trasferiti d’ufficio e i soggetti beneficiari delle precedenze previste dal contratto collettivo

I docenti che chiedono trasferimento o passaggio di ruolo, possono indicare la propria preferenza nel modulo di domanda. Possono quindi indicare più preferenze, su scuola, comune, distretto e provincia.

Le date

Le date di presentazione delle domande vanno da marzo a fine maggio in base alla categoria. Per quanto riguarda i docenti, la domanda va presentata entro il 5 aprile. I trasferimenti saranno poi pubblicati il 20 giugno, per ogni ordine e grado.

Per il personale ATA la domanda va presentata dal 1° al 26 aprile, mentre per il personale educativo dal 3 al 28 maggio.