dieta chetogenica

La dieta chetogenica e l’epilessia. Qual è la relazione?

Dieta chetogenica e disturbi neuronali come l’epilessia, qual è la relazione tra i due e come può un regime alimentare aiutare a combattere la malattia?

Molti studi dimostrano il rapporto causa effetto tra dieta e disturbi epilettici, per cui è possibile alleviare forme di epilessia attraverso un’alimentazione controllata.

Ovviamente la correlazione tra alimentazione chetogenica e guarigione dai disturbi epilettici dipende da una serie di altri fattori come il target di riferimento, la tipologia di gravità del disturbo e il tasso di risposta.

Andiamo a fondo sulla malattia.

L’epilessia è una malattia neurologica che riguarda l’1% della popolazione. Spesso è trattata a livello farmacologico, ma qualora non vi sia risposta è necessario l’intervento chirurgico per asportare la parte del cervello che causa episodi epilettici. Non tutte le epilessie possono essere guarite con operazione chirurgica, quindi quelle forme non trattabili con farmaci e non operabili vengono curate o con la stimolazione del nervo vago o con la dieta chetogenica.

Che cos’è la dieta chetogenica e come riesce a curare l’epilessia?

La maggior parte dei regimi si fonda su dieta al 50% carboidrati, 20% proteine e 30% grassi, invece la dieta chetogenica prevede l’assunzione dal 60 al 90% di grassi. Questo tipo di alimentazione innesca un meccanismo metabolico che viene chiamato chetosi fisiologica. Quando gli zuccheri si abbassano, nel sangue vengono utilizzati i corpi chetonici sintetizzati dal fegato : acetone, acetoacetato, D-Beta-idrossibutirrato . La chetosi ha inizio dopo 2/3 giorni di alimentazione e può essere protratta per un tempo limitato, apportando alcuni benefici sul corpo: senso di sazietà, miglioramento dell’umore, induzione di perdita di peso.

Già nel secolo scorso ci si rese conto dei benefici del digiuno sui fenomeni epilettici, perché i corpi chetonici alimentavano i neuroni al posto del glucosio.

La causa reale dietro al funzionamento di una dieta come quella chetogenica non è stata ancora individuata, e come ogni tipologia di cura può avere delle controindicazioni come stitichezza, sonnolenza, calcolosi, acidità.

Non tutti i pazienti possono seguire la dieta chetogenica: è altamente sconsigliata ai pazienti che hanno problemi metabolici. Se il regime non ha gravi effetti collaterali può essere usato per due o più anni e in conseguenza di questo si è visto una regressione dei fenomeni epilettici fino al 90%.