Che cos’è l’afasia di Broca e come si cura?

L’afasia di Broca è una condizione neuronale per cui il paziente ha perso la capacità di esprimersi ma non di comprendere o leggere.

Questo tipo di afasia detta anche non fluente è dovuta ad una lesione del cervello in quella che è definita appunto l’area di Broca.

L’area di Broca  una zona ben definita della corteccia cerebrale e presidia le capacità umane di produrre linguaggio scritto e verbale.

Collocata sul lobo frontale, insieme all’area di Wernicke sul lobo temporale concorre alla produzione e comprensione del linguaggio.

La cause principali dell’afasia di Broca sono:

  1. Ictus, principalmente attivi nell’area stessa o in aree limitrofe
  2. Alzheimer e altre malattie di demenza
  3. Encefalite
  4. Tumori al cervello
  5. Traumi al cervello specificamente nell’area suddetta

L’ictus è la causa principale dell’Afasia di Broca, poiché, non arrivando più sangue a questa specifica area del cervello, essa inizia a funzionare male e in casi di grossa mancanza di sangue per molto tempo può addirittura rischiare di andare in necrosi.

 

Quali sono i sintomi principali dell’afasia di Broca?

I sintomi principali generalmente sono legati alla produzione e di frasi e discorsi:

  1. Difficoltà a elaborare frasi articolate
  2. Difficoltà grammaticali
  3. Mancanza di parole di senso compiuto
  4. Invenzione di parole
  5. Problemi con scrittura

L’afasia di Broca resta un tipo di lesione cerebrale legata solo alle funzioni linguistiche e difatti non vengono solitamente intaccate le funzioni intellettive e cognitive del paziente affetto.

 

Come si diagnostica l’afasia di Broca?

Innanzitutto è fondamentale che vi sia un colloquio tra medico e paziente, poi saranno necessarie altre visite specialistiche con radiologo, neurologo, tac e risonanza magnetica.

 

Si può guarire dall’afasia di Broca?

La guarigione è possibile nella maggior parte dei casi in cui la lesione non sia eccessiva e si possa lavorare con il paziente sulla riabilitazione che passa dalla logopedia.

Non esiste una terapia standard e solitamente per migliorare è necessario essere seguito da una equipe medica, ma come pocanzi affermato un lavoro con il logopedista può aiutare a migliorare l’eloquio.

 

In cosa consiste la terapia del logopedista?

Il logopedista proverà a dare degli esercizi che prevedono ripetizioni di frasi e parole che aiuteranno a stimolare la produzione cerebrale di capacità linguistica, andando a riattivare le aree spente o danneggiate. Affinché la terapia sia funzionale è necessario che tali pratiche vengano eseguite più volte al giorno e che il paziente sia molto convinto e deciso nel proseguire una terapia che richiede molto impegno.

Il logopedista solitamente re-insegna a comunicare ai pazienti afasici, proponendo loro frasi più corte e/o insegnando il disegno per concetti articolati.

 

La terapia è la stessa anche per i traumi cranici?

Per i traumi cranici solitamente l’Afasia di Broca scompare da sola, e va migliorando senza impegno terapeutico. Questo perché i traumi sono eventi momentanei e se non intaccano o lesionano in maniera rilevante le aree cerebrali non lasciano danni al sistema.

Sei interessato a una formazione specifica?

Guarda i nostri corsi di Formazione a distanza (FAD).

Puoi ottenere crediti ECM