Graduatorie terza fascia: cosa prevede il Decreto Scuola per l’aggiornamento del 2020

Il Decreto Scuola pubblicato il 30/10/2019, contrariamente a quanto anticipato, prevede che per l’inserimento nella terza fascia delle graduatorie per il prossimo triennio non ci sarà l’obbligo del conseguimento del titolo di abilitazione.

L’articolo 1, comma 107, della legge 107/2014 introduceva un’importante novità in merito ai requisiti previsti per l’accesso alle graduatorie di istituto:

“A decorrere dall’anno scolastico 2016/2017, l’inserimento nelle graduatorie di circolo e di istituto può avvenire esclusivamente a seguito del conseguimento del titolo di abilitazione.”

Il termine è stato poi protratto al 2019/2020 tramite il DL 244/2016.

In base a questa normativa, quindi al prossimo aggiornamento per il triennio successivo, l’inserimento  nelle  graduatorie terza fascia sarebbe stato possibile solo per i docenti abilitati.

Tuttavia, l’emendamento introdotto tramite il decreto scuola, gli inserimenti in terza fascia saranno possibili anche senza abilitazione. L’ emendamento prevede l’obbligo di essere in possesso dei 24 cfu in materie antropo-psicoantropologiche.

L’obbligo vale per i laureati e per gli ITP, ovvero i docenti in possesso del solo diploma, che permette l’accesso ad una delle classi di concorso della tabella B del DPR 19/2019.

I laureati dovranno essere in possesso di una laurea vecchio ordinamento, specialistica, o magistrale, che dia accesso ad almeno una classe di concorso.

Oltre alla laurea occorre un certo numero di CFU in determinati settori disciplinari, e i 24 cfu.